Pagina attuale: News vai al contenuto
logo invat

10/06/2020 - ICT news 0620

ICT news

Sommario

Grandissimo impegno e successo della manifestazione Accessibility Days, svoltasi quest’anno in una forma diversa ma con grandissimi risultati presenti e futuri.

Arriva finalmente la tanto attesa app Seeing AI di Microsoft in lingua italiana, un progetto seguito da INVAT in stretta collaborazione con Microsoft. Verificata da INVAT anche l’accessibilità della app Immuni.

Agid ha emanato le linee guida che consentono di firmare documenti online con SPID per favorire il percorso di completa digitalizzazione dei documenti.

Grandissimo impegno e successo della manifestazione Accessibility Days, svoltasi quest’anno in una forma diversa ma con grandissimi risultati presenti e futuri.

Grande e meritato il successo dell’edizione 2020 dell’accessibility days, evento organizzato tra gli altri dall'Unione ciechi e ipovedenti di Ancona e Bologna, con Rai Pubblica Utilità, Microsoft e Istituto Ciechi di Milano come partner, per promuovere l'accesso alla rete delle persone con disabilità. Nonostante la difficoltà creata dall’emergenza Covid, l’organizzazione è riuscita a modellare la struttura dell’evento con risultati eccellenti e oltre 50 ore di diretta web, 820 iscritti con una media di 300 persone collegate in streaming nella giornata di apertura e 200 nella seconda, più di 40 sessioni tenute da 70 speaker, conferenze in parallelo: una maratona che ha focalizzato un grandissimo interesse e che ora è disponibile sul suo canale youtube, una manifestazione appena conclusasi ma già pronta per il futuro, con la programmazione di una serie di webinar per dare continuità al progetto che ci accompagneranno fino all'edizione 2021.
Perno centrale della manifestazione una gara tra esperti informatici chiamati a presentare progetti in grado di migliorare la qualità della vita dei disabili. Il primo classificato, Momo AID, proposto da Laura Rossi, Valentina Giuliano e Matteo Durante di Roma, traduce la Lingua dei Segni utilizzata dalle persone sorde in forma scritta e in audio vocale e viceversa. Obiettivo del progetto: rendere utilizzabili customer service o servizi per il pronto soccorso e per l'assistenza anche da persone sorde.
Il secondo progetto premiato interviene nel campo musicale con un analizzatore di spettro accessibile alle persone cieche o ipovedenti per consentire loro di verificare la qualità del prodotto audio, assicurando la corretta riproduzione su ogni dispositivo. Il team è composto da Stefano Scala di Genova (musicista professionista, cieco, sviluppatore ispirato dai suoi stessi bisogni) e da Moreno Gentili, sviluppatore di Matelica (Mc).
Terzo classificato Touch Free, presenta un'interfaccia che non prevede alcun contatto fisico con i totem presenti ormai ovunque e possibile veicolo di contagio. Il progetto si rivolge a tutti gli utenti disabili che non possono utilizzare mouse o tastiera, ma di fatto va a risolvere anche il problema del contatto con i totem. L'utente, infatti, dovrà soltanto muovere le mani secondo semplici indicazioni per navigare l'interfaccia mostrata a video. Gli autori sono Nicolò Carpignoli, Edoardo Cavazza, Giacomo Nanni e Caterina de Iacobis.
Premiato dall'Uici di Ancona un quarto team, composto da Federico Villa, Elisabetta Parravicini, Luca Nardelli e Jimena Ardini, autori di un progetto e una applicazione che grazie a strumenti e intelligenze artificiali esistenti che interagiscono fra loro, permettono agli utenti con disabilità di ricercare idee, strumenti e condividere proprie soluzioni con brevi video realizzati anche col cellulare.
Durante le valutazioni la giuria è rimasta piacevolmente colpita sia dalle soluzioni proposte che dai partecipanti, tanto che Fabio Santini, presidente della giuria ed Executive Director in Microsoft, ha deciso di invitare tutti i team alla Microsoft House, a Milano, per conoscerli e parlare dei progetti".

Arriva finalmente la tanto attesa app Seeing AI di Microsoft in lingua italiana, un progetto seguito da INVAT in stretta collaborazione con Microsoft. Verificata da INVAT anche l’accessibilità della app Immuni.

Come avevamo anticipato nella scorsa puntata di Orizzonti Multimediali, è finalmente stata rilasciata la tanto attesa versione in italiano della app Seeing AI di Microsoft, di cui ci eravamo occupati più di un anno fa per testarne la versione in inglese. Questa volta Microsoft si è avvalsa di una squadra di persone non vedenti ed ipovedenti e di realtà come l’UICI e l’INVAT che hanno affiancato il colosso americano nell’analizzare, testare e segnalare tutte quelle criticità e migliorie che potevano essere implementate in questa versione in lingua italiana che Microsoft ha voluto rilasciare il 22 maggio, in occasione della giornata mondiale dell’accessibilità, nonché dell’accessibility days e così finalmente questo coltellino svizzero dei non vedenti, dopo un percorso iniziato nel 2027 che ha portato ad utilizzare questa app in oltre 70 paesi nel mondo, ora possiamo utilizzarla comodamente in italiano e gratuitamente. Sabato Derosa, che ha seguito questo progetto con Microsoft per conto di INVAT, ci racconterà questo importante percorso, cosa è stato fatto e cosa rimane ancora da fare.

Agid ha emanato le linee guida che consentono di firmare documenti online con SPID per favorire il percorso di completa digitalizzazione dei documenti.

Grazie alle Linee Guida, la firma con Spid avrà lo stesso valore giuridico di quella autografa, consentendo ai cittadini di sottoscrivere atti e contratti. Uno strumento che si va ad aggiungere alla firma elettronica qualificata favorendo il processo di dematerializzazione dei documenti. AgID ha emanato le Linee Guida che consentono di firmare documenti online con SPID, in conformità all’art. 20 del CADL. Le linee guida sono state emanate al termine del naturale percorso di consultazione pubblica, che si è svolto dal 21 novembre al 28 dicembre 2019, ed entreranno definitivamente in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Obiettivo delle Linee Guida (LG) è quello di favorire il processo di completa digitalizzazione dei documenti. Grazie all’entrata in vigore delle LG, sarà possibile firmare atti e contratti attraverso SPID con lo stesso valore giuridico della firma autografa, soddisfacendo, così, il requisito della forma scritta e producendo gli effetti dell’art. 2702 del codice civile. I cittadini avranno così a disposizione anche un altro strumento digitale per sottoscrivere documenti con validità giuridica, oltre alla già esistente firma elettronica qualificata. Le nuove regole disciplinano le modalità con cui i fornitori di servizi online possono permettere agli utenti di sottoscrivere atti e contratti tramite la loro identità digitale. Il sistema può essere utilizzato sia dai fornitori di servizi privati sia dalle Pubbliche Amministrazioni e consente di sostituire la firma autografa nella quasi totalità dei casi.

Sede legale: Via Borgognona, 38 – 00187 – ROMA
Sede operativa: Via Dell’Oro, 5 – 40124 – Bologna
C.F.: 97938000581
| | TEL 051.04.73.256
INVAT – © Copyright 2020 – Tutti i diritti sono riservati