Pagina attuale: News vai al contenuto
logo invat

11/11/2020 - ICT news 1120

ICT news

Sommario

Si è tenuto il 21 ottobre il tradizionale appuntamento mondiale di Microsoft con le realtà più rappresentative della disabilità visiva e, come da anni accade, l’UICI era presente.

Nell’ambito delle commissioni congressuali e pre congressuali dell’UICI, numerosi sono stati gli spunti che delineeranno gli obiettivi del prossimo quinquennio, ne parliamo con il coordinatore Nunziante Esposito.

Semafori sonori e regolamentazione sul traffico, questo l’argomento che verrà ampiamente dibattuto nelle tre sessioni previste dall’EBU dal titolo


Si è tenuto il 21 ottobre il tradizionale appuntamento mondiale di Microsoft con le realtà più rappresentative della disabilità visiva e, come da anni accade, l’UICI era presente.

Come avviene in questo periodo per la maggior parte degli eventi, anche Microsoft si è trovata costretta ad organizzare il proprio summit sull’accessibilità delle persone con deficit visivo, in modalità online, sulla propria piattaforma TEAMS, con la partecipazione attiva di 28 delegati in rappresentanza di 14 organizzazioni distribuite su 8 paesi tra cui Canada, Australia, Nuova Zelanda, Spagna, Inghilterra, Stati Uniti e Italia, rappresentata dall’Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti nelle persone di Salvatore Romano e Marino Attini. I temi hanno spaziato da Accessibility Insights, una serie di strumenti open source che aiutano gli sviluppatori a creare applicazioni accessibili in ambiente Windows e Android, ad Accessibility Cecker, contenuto nei prodotti di gestione aziendale Dynamics 365, con il quale si guida l’operatore nella creazione di mail promozionali accessibili, sia in termini di screen reader che di colori, caratteri e contrasto. In Office 365 un grande lavoro è stato fatto sulla gestione vocale di mail e documenti, ma si è parlato ovviamente anche delle applicazioni mobili e in primis delle implementazioni su Seeing Ai.
Un summit che ha rappresentato una importante apertura e sensibilità da parte di Microsoft su queste tematiche ed un evento su cui si è sviluppato un costruttivo dialogo, un lavoro che proseguirà nella prossima sessione prevista per il 25 febbraio 2021.

Nell’ambito delle commissioni congressuali e pre congressuali dell’UICI, numerosi sono stati gli spunti che delineeranno gli obiettivi del prossimo quinquennio, ne parliamo con il coordinatore Nunziante Esposito.

Relativamente ai lavori congressuali dell’UICI appena terminati, ha destato grande partecipazione ed ampio consenso, il lavoro svolto dalla commissione preposta a definire gli obiettivi futuri da perseguire nel prossimo quinquennio, coordinata nella sessione precongressuale da Fabrizio Marini e in quella congressuale da Nunziante Esposito. In particolare sono emerse le necessità di attuare un’iniziativa legislativa per l’accessibilità di apparecchiature elettriche, elettroniche ed elettromedicali per renderle accessibili nell’utilizzo, troppo spesso sostituiti da comandi a sfioramento, nei display, nelle istruzioni che devono anch’esse essere accessibili nativamente, ovvero non si sia costretti ad utilizzare smartphone o app dedicate.
Nei lavori è stata discussa e prodotta una bozza di proposta di legge che possa essere estesa a livello europeo ad integrazione del testo che norma il marchio CE, costituendo una apposita commissione tecnica. Un traguardo certamente ambizioso ma da perseguire con forza perché stiamo andando in una direzione in cui la tecnologia è sempre più presente nella nostra vita e dove sempre più si segue un fattore accattivante, come i comandi a sfioramento con menù interattivi, piuttosto che i pulsanti fisici e, quando questo non sia possibile, vi sia l’integrazione di un sistema di navigazione vocale come già attuato su smartphone e tablet. In queste tematiche INVAT è in prima linea monitorando e seguendo l’evolversi della situazione a stretto contatto coi produttori.

Semafori sonori e regolamentazione sul traffico, questo l’argomento che verrà ampiamente dibattuto nelle tre sessioni previste dall’EBU dal titolo

Quante volte il dover cercare il palo del semaforo sonoro ci ha fatto rinunciare ad utilizzare questa tecnologia? Questo in sintesi l’argomento trattato in una serie di incontri che si svolgeranno online ed organizzati dall’EBU, European Blind Union, per analizzare le diverse problematiche inerenti questo specifico argomento e proponendo al parlamento europeo una proposta di legge comune, che possa risolvere definitivamente tutte le problematiche legate all’annoso problema dell’attraversamento semaforico per le persone prive della vista. Di questo ne parliamo con Alessandro Guariso, responsabile tecnico de La Senaforica, la più importante azienda italiana che da oltre 70 anno produce e installa impianto semaforici in tutto il mondo e che è fortemente impegnata in soluzioni che possano agevolare i disabili visivi e motori nell’attraversamento.

Sede legale: Via Borgognona, 38 – 00187 – ROMA
Sede operativa: Via Dell’Oro, 5 – 40124 – Bologna
C.F.: 97938000581
| | TEL 051.04.73.256
INVAT – © Copyright 2020 – Tutti i diritti sono riservati